ciclicità, conosci te stessa

Il primo sangue, il fiore, la ferita

Arriva il primo sangue e anche se siamo ancora nel bozzolo e la strada per diventare farfalla sarà lunga, non possiamo più fare finta che vada bene così perché della complicità con nostra madre ne abbiamo un enorme bisogno. A volte sembra ci sia, magari fai qualcosa insieme e subito a dirti “sì, certo che c’è!”, ma poi il suo impietoso giudizio ti ferisce e ti riporta alla realtà. Eppure la salvi. Ancora e ancora perché il legame è talmente forte che non puoi distruggerla. Salvi lei, che ti ha messo al mondo, e nutri rabbia e intolleranza nei confronti di te stessa per l’ incapacità di crearla tu un po’ di complicità.

Ci proverai infinite volte… Intanto il primo sangue decreta quel nuovo essere donna che non sai che cosa significa e lei non lo spiega, ma forse essere donna è essere come lei.
Tu sai già che non puoi emularla, non sei così, non sei all’altezza, non sei quello che lei voleva tu fossi e di fronte a quel sangue di cui ti vergogni non sai che fare. Non credi neppure lontanamente che si possa non fare proprio niente, nessuno te lo dice.

Nessuno ti dice che vai bene così e che fermarsi ad “ascoltare” il proprio ciclo è il primo passo dell’essere donna. Un passo amorevole verso se stesse. Non sapendolo, il testimone che ricevi è un assorbente e un mal di pancia da rannicchiarsi in posizione fetale e stare lì, da sola, cercando rifugio nei sogni finché non passa.

E in quei sogni si svela a poco a poco il tuo cammino…

Molti anni dopo, e dopo molti passi di amorevolezza nei confronti della tua bambina interiore, la rabbia si ammorbidisce e riesci a cambiare lo sguardo. Non più catene, ma un abbraccio che libera. Come quello che non hai avuto, ma hai saputo dare ai tuoi figli ed è la gioia più grande.

Nell’amore verso la tua parte bambina sta la libertà di essere oggi quello che sei e di poter cantare il fiore e la ferita che abbiamo dentro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...